Il Ghetto ebraico

Roma, Guida turistica online

Il ghetto ebraico di Roma è tra i più antichi ghetti del mondo.
E’ sorto 40 anni dopo quello di Venezia che è il primo in assoluto.
Il termine deriva dal nome della contrada veneziana, gheto, dove esisteva una fonderia (gheto in veneziano), ove gli ebrei di quella città furono costretti a risiedere; un’altra possibile etimologia è l’origine della parola dall’ebraico, che significa separazione.

sinagoga di roma ghetto ebraico

Un po’ di storia
Il ghetto, costruito per volontà di papa Paolo IV, si trova tra il Tevere e piazza Venezia, e qui dovevano risiedere gli ebrei romani e il ghetto aveva soli due accessi per entrare ed uscire. Gli ebrei al tempo avevano vari obblighi e divieti: erano obbligati a risiedere all’interno del ghetto e di portare sempre con sé un segno che per identificare la loro appartenenza alla comunità ebraica, e non potevano esercitare nessun tipo di commercio tranne quello di stracci e vestiti e non potevano possedere beni immobili.
Gli ebrei, anche grazie a questi divieti, divennero scaltri commercianti di abbigliamento e abili nel campo dei prestiti.
Negli anni il ghetto si è allargato, fino alla “liberazione” del 1849 quando, con la proclamazione della Repubblica Italiana, fu abolita la segregazione.
Nel corso degli anni le antiche stradine e i vecchi edifici furono demoliti e vennero realizzate nuove costruzioni e tre nuove vie: via del Portico d’Ottavia, via Catalana e via del Tempio.
All’alba del 16 ottobre 1943 i nazisti circondarono il quartiere e catturarono oltre 1.000 ebrei e li deportarono ad Auschwitz: dei 1.023 deportati solo 16 sopravvissero. Nel 1995 l’artista tedesco Gunter Demnig, ha iniziato ad installare le “pietre della memoria”.
Una targa d’ottone, della dimensione di un sampietrino (10×10), su cui è posta un’iscrizione in memoria dei caduti del nazi-fascismo.
L’obiettivo è collocare un sampietrino per ogni vittima della deportazione.

Cosa vedere al Ghetto
La Sinagoga è l’edificio più importante del ghetto, visibile da ogni punto panoramico della città, oltre che fondamentale luogo di culto.
Nei suoi sotterranei hanno sede il museo ebraico e il Tempio spagnolo.
Altro monumento di grande interesse è il Portico d’Ottavia, del secondo secolo a.C.
Dal Portico d’Ottavia è possibile accedere direttamente al Teatro Marcello, il “piccolo Colosseo”.
Altro punto d’interesse, la fontana delle tartarughe. Costruita verso la fine del XVI secolo per ordine del Duca Mattei davanti alle finestre del padre della sua amata per dimostrare di essere un uomo importante.
Le tartarughe furono aggiunte nel 1658 dal Bernini.

Altra particolarità, l’isola tiberina, una delle isole abitate più piccole del mondo. L’isola tiberina, nella forma ricorda una nave, questo ha dato origine alla leggenda secondo la quale l’isola sorge al posto di un’imbarcazione affondata. Qui ha sede il famoso ristorante Sora Lella.

TUTTO SU ROMA

ORGANIZZA IL TUO VIAGGIO A ROMA

DA VEDERE A ROMA

TORNA ALLA GUIDA DI ROMA

hotelCERCA IL TUO HOTEL
Al MIGLIOR PREZZO GARANTITO
Booking.com
airplanemode_active Cerca Voli
directions_car Noleggio auto
facebook100tour

Meteo

Roma, IT
cielo sereno
19.1 ° C
21.7 °
18 °
68%
3.1kmh
0%
gio
18 °
ven
19 °
sab
19 °
dom
19 °
lun
18 °